l granello di senape (Rif. Evangelo di Matteo Cap.13 versi 31 a 32)


1795405_824896447537196_1540869394_oGesù propose alla moltitudine un’altra parabola, dicendo: «Il regno dei cieli è simile a un granello di senape che un uomo prende e semina nel suo campo. Esso è il più piccolo di tutti i semi; ma, quand’è cresciuto, è maggiore degli ortaggi e diventa un albero; tanto che gli uccelli del cielo vengono a ripararsi tra i suoi rami».

Secondo l’interpretazione più comune, questa parabola c’insegna varie cose. Prima di tutto essa ha una portata profetica relativa allo sviluppo della cristianità nel mondo. Le cose grandi iniziano in modo molto piccolo e dimesso. Ma essa ci presenta pure il concetto di «Chiesa», intesa non come «pareti unite dal tetto» ma come «insieme di credenti». Infatti il Seminatore (Gesù) ha piantato i suoi semi (i discepoli) su tutta la terra. Questi uomini, all’apparenza così piccoli e insignificanti, hanno dato vita a un grandissimo albero (la Chiesa) che accoglie tutti coloro che vogliano trovarvi riparo, proprio come è accaduto per gli uccelli della parabola. Ma vi è un terzo aspetto che possiamo cogliere dalla parabola, si tratta di un avvertimento per ciascuno di noi a non elevarci, a non esser dominatori, a non metterci al di sopra degli altri e divenire, per cosi dire, alberi. Come gli uccelli tra i suoi rami, il nemico dell’anima nostra farebbe presto ad introdursi, producendo risultati funesti nella vita di chi volesse innalzarsi al di sopra del suo prossimo! Signore aiutaci…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...