Vecchiaia


10393772_834323496612330_2454120890160136106_n“E ora che sono giunto alla vecchiaia e alla canizie, o Dio, non abbandonarmi, finché non abbia raccontato i prodigi del tuo braccio a questa generazione e la tua potenza a quelli che verranno”(Salmi 71:18).

Poche ore prima di partorire, andai di corsa al supermercato, perché avevo dimenticato di comprare la merenda per scuola a mia figlia. Ricordo che si era fatto tardi e dovevo sbrigarmi, così arrivata alla cassa trovai in fila solo un signore anziano, al quale chiesi gentilmente di poter passare (premetto che oltre al pancione, avevo in mano solo una merendina ed un succo di frutta!), e la risposta di quel signore mi lasciò senza parole: “Vai a quell’altra cassa che la signora ha poche cose!”. La signora in fila all’altra cassa, anziana forse più di lui, mi rispose (guardando il signore con uno sguardo “fulminante”): “Vieni qui tesoro, passa, che Dio ti benedica!”. Le risposi: “Dio benedica lei signora e possa darle ancora tanti anni di vita, per essere di esempio a quanti ne hanno bisogno”. Questo è solo un esempio negativo di ciò che oggi, molti anziani che vivono senza la presenza di Dio, testimoniano agli occhi del mondo. C’è chi bestemmia, chi dice cose molto cattive, chi odia i bambini, chi fa il prepotente, chi si lamenta in continuazione degli “acciacchi” della vecchiaia e chi forse si sente giustificato dalla canizie, ormai libero di poter fare quel che vuole!

Oggi più che mai, soprattutto nei paesi occidentali, incluso l’Italia, la popolazione anziana va sempre più aumentando ed il numero degli anziani è il più rappresentativo di tutte le altre età. Ma grazie a Dio ci sono tanti anziani credenti e praticanti, cristiani per davvero, che come il re Davide nel Salmo di oggi, vogliono continuare a passare il tempo che gli è concesso, lodando ed esaltando il nome del Signore: “Le mie labbra esulteranno, quando salmeggerò a te, e così l’anima mia, che tu hai riscattata” (Salmo 71:23).

L’età potrebbe essere un attenuante per l’uomo al cospetto dei suoi simili, ma non davanti a Dio; Egli non salva per la vecchiaia ma per la fede: “Chi perseverà fino alla fine sarà salvato”(Matteo 10:22).

Lodate il Signore voi tutti anziani, ringraziateLo per la vita concessa su questa terra e siate di esempio ai vostri nipoti, pronipoti ed alle generazioni che verranno, così il Signore non vi abbandonerà, perché voi non Lo abbandonerete, vi aiuterà nelle difficoltà e nei “dolori”della terza età, benedirà ogni vostro giorno e vi darà il premio della vostra fedeltà, la vita eterna. La nostra preghiera è per tutti gli anziani bisognosi della misericordia di Dio, amen.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...