ADAMO E IL PECCATO


 

Egli perdona le colpe,risana le infermità…ti fa ringiovanire come l’aquila.L’aquila è un uccello particolare, dopo un processo molto doloroso, con cui riprende forza e vigore, può vivere per altri trent’anni.
La Bibbia ci dice che Dio fa così con NOI. Durante la nostra vita, è probabile che ci ritroveremo in momenti in cui ci sembrerà di aver dato già tutto quello che avevamo da dare: nel lavoro, nella famiglia, nella comunità. Ci sembrerà come se avessimo esaurito tutta la nostra creatività, di non avere ormai più molto da apportare alla società. La nostra vita ci sembrerà grigia ed invecchiata; allora, come l’aquila, o avviene una trasformazione in noi, o saremo condannati a morire. Dio desidera che riprendiamo il nostro cammino con forze rinnovate e portiamo ancora frutto per Lui.
Perciò non abbatterti, rinasci ancora e riprendi il tuo cammino…anzi no…il tuo volo! DTBG

Foto: Egli perdona le colpe,risana le infermità...ti fa ringiovanire come l'aquila.</p>
<p>L'aquila è un uccello particolare, dopo un processo molto doloroso, con cui riprende forza e vigore, può vivere per altri trent'anni.<br />
La Bibbia ci dice che Dio fa così con NOI. Durante la nostra vita, è probabile che ci ritroveremo in momenti in cui ci sembrerà di aver dato già tutto quello che avevamo da dare: nel lavoro, nella famiglia, nella comunità. Ci sembrerà come se avessimo esaurito tutta la nostra creatività, di non avere ormai più molto da apportare alla società. La nostra vita ci sembrerà grigia ed invecchiata; allora, come l'aquila, o avviene una trasformazione in noi, o saremo condannati a morire. Dio desidera che riprendiamo il nostro cammino con forze rinnovate e portiamo ancora frutto per Lui.<br />
Perciò non abbatterti, rinasci ancora e riprendi il tuo cammino...anzi no...il tuo volo! DTBG
Annunci

GUARDARE I DIFETTI ALTRUI


In qualunque posto tu ti trovi e che sia,troverai sempre gente che guarderà i tuoi difetti,molte volte giudicando la tua persona,senza nemmeno conoscere ciò che tu Vivi..Oggi purtroppo non si fa altro che guardare i difetti altrui,invece di guardare ed esaminare se stessi,oggi non si fa altro che guardare la pagliuzza di chi vive vicino,che guardare la trave che vi è in noi…Impariamo ad amare come Cristo ci ha insegnato,impariamo ad amare odiando il peccato,ma amando il peccatore,cercando di raccoglierlo,portarlo nella retta via,invece di sotterrarlo ancora di più..L’uomo è bravo a vedere i difetti degli altri,è bravo a farsi gli affari degli altri,ma non ci accorgiamo o facciamo finta di accorgerci degli nostri errori,facendo apparire noi stessi perfetti agli altri…Dio non guarda ai tuoi difetti,Egli mira al tuo cuore e i tuoi difetti cercherà di renderli perfetti in Cristo,modellandoti come lui vuole e desidera…Dio ti ama così come tu sei,odiando però il peccato,ma pronto a lavarlo con il sangue di Cristo Gesù..Non stare male che l’uomo oggi parla male di te e ti giudica,Rallegrati perchè Dio ti ama…

Per la Fede una volta insegnata


Per la fede una volta insegnata ai seguaci del vero Evangel
Con la forza che in Cristo mi è data, vo’ combatter ed esser fedel

CORO: Voglio Andar di valore in valor, fino al fine seguire il Signor
E da Cristo ricever nel ciel, la corona riposta ai fedel

Di Dio voglio vestir l’armatura, per combattere e ritto restar;
nella lotta per quanto sia dura, potrò certo il nemico atterrar

In Gesù sono fatto guerriero, per soffrire e combattere ognor
e per esser valente ed intiero, nelle guerre del nostro Signor

Ed un giorno anch’io potrò dire: ho lottato e serbata la fe’.
Con la fine del corso il soffrire è cessato in eterno per me.

Una volta, molto tempo fa, un testimone di Geova mi chiese !!!!!!!!!!!!


Una volta, molto tempo fa, un testimone di Geova mi chiese: 
“Quante ore al mese fai tu di predicazione?”
Rimasi perplesso da quella domanda così strana. Non conoscevo ancora molto bene le loro dottrine. Mi ero convertito a Gesù Cristo da poco tempo. Dio aveva afferrato la mia vita. La mia mente e il mio cuore erano coinvolti da un ardente desiderio di raccontare a tutti quello che mi era accaduto e quello che Dio vuol fare nella vita di tutti coloro che decidono di credere davvero in Dio, nella Sua Parola, nell’opera potente di espiazione compiuta da Gesù al Calvario. 
La domanda di quel testimone di Geova era dovuta al fatto che loro non conoscono la gioia della salvezza, e non possono conoscerla, semplicemente perchè il loro credo è basato, non sulla perfetta opera di redenzione compiuta da Cristo a nostro favore, ma su ciò che loro si sforzano di compiere a proprio favore. Praticamente, tutto il contrario di ciò che insegna l’Evangelo della grazia (Efesini 2:8,9). 
Il vero cristiano non calcola le “ore di predicazione”: Tutta la sua vita è un “messaggio”. 
Ecco cosa scrive l’apostolo Paolo: 
“La nostra lettera, scritta nei nostri cuori, siete voi, lettera conosciuta e letta da tutti gli uomini; è noto che voi siete una lettera di Cristo, scritta mediante il nostro servizio, scritta non con inchiostro, ma con lo Spirito del Dio vivente; non su tavole di pietra, ma su tavole che sono cuori di carne.” (2Corinzi 3:2-3). 
SI, CARO CRISTIANO. TU SEI UNA LETTERA APERTA CHE TUTTI LEGGONO, 24 ORE SU 24.

Franco Ienco

Tu sei grande,…


Tu sei grande, Signore, e ben degno di lode; grande è la tua virtù, e la tua sapienza incalcolabile. E l’uomo vuole lodarti, una particella del tuo creato, che si porta attorno il suo destino mortale, che si porta attorno la prova del suo peccato e la prova che tu resisti ai superbi. Eppure l’uomo, una particella del tuo creato, vuole lodarti. Sei tu che lo stimoli a dilettarsi delle tue lodi, perché ci hai fatti per te, e il nostro cuore non ha pace finché non riposa in te

LO SPIRITO SANTO


LO SPIRITO SANTO, è sceso qui in terra per sostituire la presenza di CRISTO. Per mezzo di ESSO, DIO, ci mostra una pace compiuta (in CRISTO) e quindi, una pace  perfetta. Ci è stato provveduto un tale dono, fino al giorno d'oggi. Sarà la luce che ci indicherà il cammino. Sarà la guida dei nostri pensieri. Sarà la stabilità della nostra condotta. Sarà l'impedimento alle nostre reazioni, il conforto alle nostre afflizioni, la forza alle nostre sconfitte e la gioia alla speranza del cielo. Lo SPIRITO SANTO, ci insegnerà a pregare, a saper chiedere ed a saper rinunciare. Ci insegnerà a perdere le battaglie di questo mondo per vincere quelle celesti. Sarà LUI  ad aprire la nostra bocca, per parlare dei misteri di DIO. Sarà LUI a trasmetterci gli esaudimenti alle nostre preghiere. SPIRITO SANTO, continua! Continua ancora: a salvare, a liberare, a guarire. Il mio compito è solo quello di mettere in pratica gli insegnamenti di CRISTO, solo così potrò permettere a TE di operare, ogni giorno nella mia vita ed attraverso la mia vita. Sia questa la mia preghiera; sia questa la preghiera di ogni credente. Affinchè EGLI ci parli, ci insegni ed agisca con le SUE straordinarie opere.  GESU' disse: ".... il CONSOLATORE, cioè, lo SPIRITO SANTO, che il PADRE, manderà nel NOME mio" (Ev. Giov. 14:26)   ---- Davide Dilettoso ----

LO SPIRITO SANTO, è sceso qui in terra per sostituire la presenza di CRISTO. Per mezzo di ESSO, DIO, ci mostra una pace compiuta (in CRISTO) e quindi, una paceperfetta. Ci è stato provveduto un tale dono, fino al giorno d’oggi. Sarà la luce che ci indicherà il cammino. Sarà la guida dei nostri pensieri. Sarà la stabilità della nostra condotta. Sarà l’impedimento alle nostre reazioni, il conforto alle nostre afflizioni, la forza alle nostre sconfitte e la gioia alla speranza del cielo. Lo SPIRITO SANTO, ci insegnerà a pregare, a saper chiedere ed a saper rinunciare. Ci insegnerà a perdere le battaglie di questo mondo per vincere quelle celesti. Sarà LUI ad aprire la nostra bocca, per parlare dei misteri di DIO. Sarà LUI a trasmetterci gli esaudimenti alle nostre preghiere. SPIRITO SANTO, continua! Continua ancora: a salvare, a liberare, a guarire. Il mio compito è solo quello di mettere in pratica gli insegnamenti di CRISTO, solo così potrò permettere a TE di operare, ogni giorno nella mia vita ed attraverso la mia vita. Sia questa la mia preghiera; sia questa la preghiera di ogni credente. Affinchè EGLI ci parli, ci insegni ed agisca con le SUE straordinarie opere. GESU’ disse: “…. il CONSOLATORE, cioè, lo SPIRITO SANTO, che il PADRE, manderà nel NOME mio” (Ev. Giov. 14:26) —- Davide Dilettoso —-

SODDISFATTI DI GESU’


A Gesù non basta conquistare il tuo cuore. Egli deve essere la soddisfazione del tuo cuore! Eppure, ci sono molti credenti che non sono mai soddisfatti di Gesù. Vivono sempre alti e bassi a seconda delle circostanze.

Non è questa la sposa adatta per lo Sposo. No, per poterlo attrarre la Sua sposa deve avere una certa bellezza: “Così il Re desidererà grandemente la tua bellezza” (Salmo 45:11). Ma qual è questa bellezza?

Probabilmente avrete cantato diversi cori che inneggiano alla bellezza della santità: “Adorate il Signore nella bellezza della sua santità” (Salmo 29:2). Questa bellezza è preziosa agli occhi di Dio; è ciò che Gesù vede in noi che Lo attrae.

Lo Spirito Santo dice alla sposa di Cristo: “Se metti tutto da parte, dimentichi tutti gli altri e ti adorni solo di Lui, allora Egli desidererà la tua bellezza!”. Questo significa che nessun lavoro, nessuna persona, nessun rapporto può intromettersi tra voi!

Ho sentito dire ad una brava moglie: “Più mio marito diventa pio, più diventa attraente per me”. In effetti, è questo il fulcro di un buon matrimonio. E, allo stesso modo, più ti dai in devozione al Signore, più attraente e bello diventi per Lui.

“Perciò il Re desidererà grandemente la tua bellezza..” (Salmo 45:11). Che pensiero incredibile: Gesù non riuscirà a stare lontano da te! Infatti, il significato del termine ebraico “bellezza” qui intende un desiderio ed una brama molto forti. In altre parole, Gesù si avvicinerà a te – pieno di desiderio per te!

Non c’è mai stato uno sposo che non abbia sorriso estasiato alla sposa, pensando: “E’ tutta mia!”. Cari, questa è la bellezza di cui sto parlando. Il nostro Sposo gioisce, dicendo della Sua sposa: “Sono la pupilla dei suoi occhi. Lei preferisce trascorrere tempo con me piuttosto che con tutto il resto. E questo la rende bellissima ai miei occhi!”.

Infatti, la sposa di Cristo possiede una bellezza interiore che la rende esteriormente bellissima. Lei è “..tutta gloriosa dentro..” (Salmo 45:13) perché è devota al suo Sposo. Lui sa senza ombra di dubbio: “Lei è tutta mia- devota solo a Me! Lei mi adora e mi è sottomessa. Io sono l’Unico nella sua vita, l’unico obiettivo della sua attenzione. Prende del tempo per me, gioisce alla mia presenza e desidera stare continuamente con Me”. Che bellissima devozione!

Gli Angeli ci Fortificano


 

arcangelofdvcdd

arcangelofdvcddIl mio arresto avvenne all’improvviso, non c’era stata alcuna avvisaglia. Stavo insegnando durante una serie di studi per un gruppo della nostra chiesa nel nord-est della Cina quando, a metà del pomeriggio, sei poliziotti fecero irruzione. Mi diedero un pugno nello stomaco e mi trovai steso per terra. Uno dei poliziotti mise un piede sul mio collo e non potei più muovermi. Poi mi permisero di alzarmi. Qualcuno mi colpì con forza ai fianchi con uno sfollagente e caddi di nuovo, ansimando dal dolore. Il dolore rimase acuto e grave durante tutto il tragitto verso l’ufficio della polizia; potevo solo respirare molto debolmente. Scoprii in seguito che la mia digestione era stata danneggiata per mesi. L’arresto giunse inaspettato, eppure ero stato preparato a subirlo in un modo strano. La sera precedente, verso mezzanotte, avevo pregato per gli incontri di studio. Avevo un elenco di tutti i partecipanti e pregavo per ciascuno di loro. Più pregavo e più mi scoraggiavo. Quegli studenti erano troppo giovani, troppo inesperti o troppo traumatizzati. Avevo la forte impressione che non fossero idonei per essere dei responsabili nel nostro movimento. Sospiravo perché mi sentivo giù e molto depresso. Inoltre stavo soffrendo di una forte gastrite. Già da parecchie settimane lo stomaco mi faceva male e la nausea era stata la mia inseparabile compagnia.

 

Ad un tratto sentii che il divano si abbassava un po’ come se qualcuno fosse entrato nella stanza per sedersi a fianco a me. Aprii gli occhi ma non vidi nessuno. Eppure il divano rimaneva un po’ abbassato. Poi sentii una grande mano sulla mia schiena, una mano calda che mi premeva sulla parte inferiore della spina dorsale per farmi alzare. A quel punto mi tornarono le forze e la nausea sparì. Poi una voce sommessa mi disse: “Ti sto fortificando per la battaglia. Non preoccuparti per quei giovani. Io sono la forza di Dio e sono stato mandato da Gesù per prendermi cura di loro e anche di te. Ti aiuterò perché Egli ti ama.” Fu un angelo, ne sono convinto. Sperimentai ciò che la Bibbia dice di Gesù quando era nel Getsemani: “Allora Gli apparve un angelo dal cielo per rafforzarlo” (Luca 22:43).
Quella notte avvenne la stessa cosa. Mentre ero nell’angusto furgoncino e venivo condotto nell’ufficio della polizia pensai continuamente all’esperienza della notte precedente. Ripetei fra me le parole che l’angelo mi aveva detto: “Io ti aiuterò perché Egli ti ama”.

Vorrei dunque spiegarlo a tutti voi: ogni volta che dovrete affrontare la sfida di soffrire per Cristo sarete prima fortificati. Bisogna continuare a pregare il Signore; se pregate sarete pronti, perché ci sarà un angelo per darvi la forza di sopportare qualsiasi cosa.

Porte Aperte

Quando la benzina sta per finire


Quando faccio il pieno di benzina con la mia auto, posso percorre circa 750 Kilometri.

Man mano che guido, l’auto mi segnala i Kilometri che restano da fare fino ad esaurimento.

Un apposito apparecchio luminoso e sonoro mi segnala gli ultimi 80 Kilometri di autonomia dell’auto dopodiché se non provvedo a rifornirmi di benzina l’auto si ferma dovunque sono.

Posso trovarmi nel pieno di un temporale, al buio in campagna o sull’autostrada: la mia auto si ferma. In quel momento i problemi, i disagi e le tensioni che l’inconveniente mi ha procurato, specie se a bordo ci sono bambini o se l’ora è tarda si moltiplicano. La responsabilità di tutto questo non è dell’auto, neanche del costruttore e neanche del buio della notte ma la responsabilità è mia che non ho visto e non ho sentito le segnalazioni dell’auto che mi avvertiva che la benzina stava per finire.

Allo stesso modo molti credenti non ascoltano “ciò che lo Spirito dice alle Chiese“ e non sempre vivono “ripieni dello Spirito Santo”. Pensano che siano in grado di  andare avanti tutta la vita senza dipendere da Dio. Le segnalazioni che ricevono per permettere a Dio di fornire loro forze e speranze sono tante: la parola predicata, consigli fraterni, gli eventi della vita, ecc.  Purtroppo la fretta e le necessità della vita giocano brutti scherzi, tanti vengono distratti da molte occupazioni, così improvvisamente si “spengono”  e non sanno più come affrontare le loro situazioni della vita, si mettono da parte e non sanno più servire Dio. Sono fermi, proprio come l’auto senza benzina.

La responsabilità non è dell’inconveniente e neanche si può addebitare a qualcuno ma è personale. A questo proposito e per questa ragione la Bibbia comanda di essere “ ripieni dello Spirito”, di comprendere bene la “ volontà del Signore” e di seguire il” Maestro”. Se quel giorno avessi fatto benzina non mi sarei trovato fermo nel pieno del temporale ma l’avrei superato e avrei raggiunto casa mia senza troppe preoccupazioni. Allo stesso modo se fossimo tutti sempre ripieni dello Spirito Santo attraverseremmo ogni tempesta, ogni disagio in quanto non mancherebbero “ le forze e le capacità “ di Colui che ci ha chiamati.

PARLANDO CON UN ANARCHICO


 diverso tempo fa, questi mi disse: “Io non credo affatto, che quando fu creato il mondo, sia stata la mano divina, a fare questo” Glirisposi “Dici bene; non è che dall’universo sia spuntata una mano ed abbia iniziato ad impastare la terra. No! La Bibbia dice: “EGLI disse e la cosa fu, EGLI comandò e la cosa sorse” – Affermo, consapevolmente, che la cognizione umana riesce a concepire, solo quanto di visibile si riesce a vedere. Riusciamo a concepire un corpo umano, perché lo abbiamo visto e sappiamo cos’è. Ma concepire DIO, senza il sostegno della fede, è praticamente impossibile.

Stà scritto: “I cieli dei cieli non possono contenere la presenza di DIO” (I Re 8:27). Questo ci indica una immensa grandezza nella SUA Divina Persona. Ma abbatte nello stesso tempo, ogni nostra concepibile conoscenza che sia spiegabile in maniera visibile. Chi si accosta a DIO, infatti, bisogna credere innanzi tutto che EGLI E’(Ebrei 11:6) Si, perché DIO, non è un elemento da studiare, ma un Essere da conoscere. Abbiamo bisogno, quindi, non di scoprire la SUA natura, ma di avere la consapevolezza della SUA esistenza. CRISTO, interviene alle debolezze delle nostre facoltà umane, divenendo la parte visibile di DIO (Colossesi 1:15), aprendo con l’uomo un dialogo più pratico ed accessibile.

La difficoltà si scopre, ora, con più evidenza, dal disinteresse di cercare DIO. Possiamo affermare, infatti, molto obiettivamente, che DIO, non ha ostruito l’accesso all’uomo, perché questi possa giungere a LUI, piuttosto è l’uomo che evita DIO, per non rischiare di perdere le proprie libertà, che alla fine si rivelano libertà di peccato. Adamo ed Eva, all’inizio esclusero DIO, dalla loro vita, disubbidendo e tradendo il loro creatore, provocando una separazione con un “alto muro” il cui nome si chiama peccato. DIO, che era l’escluso, fece il suo primo passo per la riconciliazione venendo visibilmente da noi e non solo, ma abbattendo quel muro di separazione con il sacrificio di CRISTO.

EGLI la SUA immensa e onnipotente Autorità Divina, la traduce nella forma umile, e comprensibile di una natura umana; facendosi simile a noi. Dandoci modo di osservarLo da vicino e rendendo più visibile il SUO amore che ha per noi. CRISTO, quindi ci mostra la parte visibile di DIO, avvicinandosi al cuore ed alla mente di tutti. EGLI ci mostra quell’autorità che solo DIO può avere, “… dì la Parola e il mio servo sarà guarito” (Luca 7:7) disse il centurione. Si con la Parola CRISTO, guarì dalle malattie, liberò da spiriti immondi, resuscitò i morti, fermò i venti e le tempeste, ruppe il potere del peccato e sconfisse la morte.

Ancora oggi, chi ha creduto e si accosta a LUI può dire, che fino ad ora “DIO dice e la cosa è, DIO parla e la cosa sorge” Chi trova la giusta sintonia, la giusta comunione con la SUA Parola: vivendola nella vita di ogni giorno; osservandola nell’ubbidienza dei suoi insegnamenti; onorandola con la propria sottomissione; vedrà le realtà di CRISTO con i propri occhi, perchè EGLI è venuto per farsi conoscere. (I Giovanni 5:20) —- Davide Dilettoso —-

PARLANDO CON UN ANARCHICO, diverso tempo fa, questi mi disse: “Io non credo affatto, che quando fu creato il mondo, sia stata la mano divina, a fare questo” Gli risposi “Dici bene; non è che dall’universo sia spuntata una  mano ed abbia iniziato ad impastare la terra. No! La Bibbia dice: “EGLI disse e la cosa fu, EGLI comandò e la cosa sorse” – Affermo, consapevolmente, che la cognizione umana riesce a concepire, solo quanto di visibile si riesce a vedere. Riusciamo a concepire un corpo umano, perché lo abbiamo visto e sappiamo cos’è. Ma concepire DIO, senza il sostegno della fede, è praticamente impossibile. 

Stà scritto: “I cieli dei cieli non possono contenere la presenza di DIO” (I Re 8:27). Questo ci indica una immensa grandezza nella SUA Divina Persona. Ma abbatte nello stesso tempo, ogni nostra concepibile conoscenza che sia spiegabile in maniera visibile. Chi si accosta a DIO, infatti, bisogna credere innanzi tutto che EGLI E’(Ebrei 11:6) Si, perché DIO, non è un elemento da studiare, ma un Essere da conoscere. Abbiamo bisogno, quindi, non di scoprire la SUA natura, ma di avere la consapevolezza  della SUA esistenza. CRISTO, interviene alle debolezze delle nostre facoltà umane, divenendo la parte visibile di DIO (Colossesi 1:15), aprendo con l’uomo un dialogo più pratico ed accessibile.

La difficoltà si scopre, ora, con più evidenza, dal disinteresse di cercare DIO. Possiamo affermare, infatti, molto obiettivamente, che DIO, non ha ostruito l’accesso all’uomo, perché questi possa giungere a LUI, piuttosto è l’uomo che evita DIO, per non rischiare di perdere le proprie libertà, che alla fine si rivelano libertà di peccato. Adamo ed Eva, all’inizio esclusero DIO, dalla loro vita, disubbidendo e tradendo il loro creatore, provocando una separazione con un “alto muro” il cui nome si chiama peccato. DIO, che era l’escluso, fece il suo primo passo per la riconciliazione venendo visibilmente da noi e non solo, ma abbattendo quel muro di separazione con il sacrificio di CRISTO.

EGLI la SUA immensa e onnipotente Autorità Divina, la traduce nella forma umile, e comprensibile di una natura umana; facendosi simile a noi. Dandoci modo di osservarLo da vicino e rendendo più visibile il SUO amore che ha per noi. CRISTO, quindi ci mostra la parte visibile di DIO, avvicinandosi al cuore ed alla mente di tutti. EGLI ci mostra quell’autorità che solo DIO può avere, “… dì la Parola e il mio servo sarà guarito” (Luca 7:7) disse il centurione. Si con la Parola CRISTO, guarì dalle malattie, liberò da spiriti immondi, resuscitò i morti, fermò i venti e le tempeste, ruppe il potere del peccato e sconfisse la morte. 

Ancora oggi, chi ha creduto e si accosta a LUI può dire, che fino ad ora “DIO dice e la cosa è, DIO parla e la cosa sorge” Chi trova la giusta sintonia, la giusta comunione con la SUA Parola: vivendola nella vita di ogni giorno; osservandola nell’ubbidienza dei suoi insegnamenti; onorandola con la propria sottomissione; vedrà le realtà di CRISTO con i propri occhi, perchè EGLI è venuto per farsi conoscere. (I Giovanni 5:20) ---- Davide Dilettoso ----